Bagno di sangue: Totale Market Cap si è ridotto di 23 miliardi di dollari, mentre BTC ha perso il 5% e ETH il 15%

Bitcoin

Bagno di sangue: Totale Market Cap si è ridotto di 23 miliardi di dollari, mentre BTC ha perso il 5% e ETH il 15%

Il Bitcoin e il resto del campo della crittovaluta sono crollati nelle ultime 24 ore, con la conseguente perdita di 23 miliardi di dollari del tetto massimo totale del mercato.

Oltre 20 miliardi di dollari di market cap totale sono scomparsi nelle ultime 24 ore, dato che la maggior parte delle valute crittografiche si sta ripercorrendo pesantemente. La Bitcoin Trader ha perso 700 dollari a seguito di un rifiuto a 12.000 dollari, l’Etereum scende dell’8%, a partire da ora, dopo un calo giornaliero del 15% al picco (al momento di scrivere queste righe). Polkadot diventa la top 5 della crittovaluta, godendo della perdita del 10% di Chainlink.

Il Bitcoin scende del 5%.

Meno di 36 ore fa, Bitcoin ha tentato un’altra manovra di sorpasso per superare l’ambito traguardo dei 12.000 dollari. Tuttavia, gli orsi non hanno permesso che si materializzasse, e il prezzo di BTC ha dovuto affrontare un serio rifiuto, come previsto dall’ultima analisi di CryptoPotato di BTC.

Mentre il calo iniziale ha portato l’asset a 11.800 dollari, la situazione è rapidamente peggiorata e ha mandato BTC al suo minimo giornaliero di 11.160 dollari (su Binance). La valuta primaria di crittografia ha rimbalzato e ha recuperato leggermente alla sua posizione attuale di circa 11.300 dollari. Tuttavia, questo rappresenta ancora un calo del 5% del prezzo.

Da un punto di vista tecnico, Bitcoin può contare su 11.100 dollari e sul livello psicologico di 11.000 dollari come prime linee di supporto in caso di un altro calo. D’altra parte, se l’asset riesce a tornare alla sua recente tendenza al rialzo, dovrebbe passare dai livelli di resistenza a 11.450 e 11.600 dollari.

Come accade di solito quando si verifica un brusco calo dei prezzi nel mercato della crittovaluta, la comunità specula sulle possibili ragioni. In questo caso, hanno collegato le azioni sui prezzi con le segnalazioni della Corea del Sud che le autorità locali hanno fatto irruzione nella sede del gigantesco scambio di beni digitali – Bithumb.

Vale la pena notare che la crescente correlazione di BTC con l’oro continua, mentre entrambi gli asset si oppongono ai mercati azionari. Anche il metallo prezioso è sceso nelle ultime 24 ore da un massimo intraday di 1.975$/oz a un minimo di 1.930$. Allo stesso tempo, il Nasdaq ha chiuso tra guadagni dell’1%, l’S&P 500 con l’1,5% e il Dow Jones – 1,6% in verde.

Altcoins Bleed Out, Market Cap Losses $23 miliardi

Il rosso è il colore predominante anche nel mercato degli altcoin. L’etereum, che ha appena dipinto un massimo di 2 anni di quasi 490 dollari e i tori ETH si sono chiesti quanto tempo ci vorrà per raggiungere i 500 dollari, è sceso dell’8,5% a 435 dollari.

Il calo del prezzo di Ripple è simile (8,6%), e Tether ne ha approfittato per superarlo come terzo asset digitale per limite di mercato. Un’altra rotazione si è materializzata tra Polkadot e Chainlink. Nonostante il calo del 4%, DOT ha sostituito LINK (-10%) nella top 5.

Il calo dei prezzi a due cifre è evidente da numerose monete. Queste includono Ampleforth (-30%), Aragon (-20%), OMG Network (-16,5%), Swipe (-16%), Algorand (-16%), Cosmos (-14%), DFI.Money (-14%), Reserve Rights (-14%), e molte altre.

Ciononostante, ci sono alcune eccezioni al trading in verde. Kusama è in crescita del 12%, UMA (10%) dopo una quotazione su Coinbase Pro, JUST (9,5%), Loopring (9%), e Tron continua a trarre vantaggio dalla sua recente partnership con un’altra pompa del 3%.

Nonostante questi pochi guadagni, il tetto totale del mercato cripto è crollato del 6%, passando dal picco di ieri di 394 miliardi di dollari a 371 miliardi di dollari al momento di questa scrittura.

Back To Top